Ti trovi in Home  » Politici  » Marco PANNELLA  »  Il PD sospenda campagna sovversiva in corso contro Costituzione, Parlamento e Commissione di Vigilanza. O baratti vantaggiosi o Costituzione negat...

Chiudi blocco

Altre dichiarazioni nel periodo per gli stessi argomenti



Dichiarazione di Marco PANNELLA

Alla data della dichiarazione: Deputato Parlamento EU  (Gruppo: ALDE) 


 

Il PD sospenda campagna sovversiva in corso contro Costituzione, Parlamento e Commissione di Vigilanza. O baratti vantaggiosi o Costituzione negata? Basta!

  • (15 novembre 2008) - fonte: Radicali.it - inserita il 16 novembre 2008 da 31

    Invito formalmente il Partito Democratico a recedere da un comportamento che mi appare di sapore fortemente eversivo, volto e in prospettiva atto a realizzare fattispecie penali dell’art. 289 del C. P., con minacce contro organi costituzionali (“le Assemblee Legislative, anche Regionali”). Il tentativo (ma esistono anche fattispecie di reati di pericolo che potrebbero configurarsi) di costringere il Presidente Villari a non compiere gli atti perentoriamente dovuti, obblighi di rilevanza costituzionale e a dimettersi, facendo ripiombare così il Parlamento nella situazione di gravissima illegittimità, pubblicamente riconosciuta e denunciata da ogni parte, anche dalle massime autorià dello Stato, non può continuare ad aver libero ed impunito corso.

    Mentre ci riserviamo di giungere a denunciare formalmente presso le competenti autorità quanto sopra, non posso purtroppo esimermi dal riprendere lo sciopero totale, della sete e della fame, che dichiarai di sospendere sol perché assicurazioni dei Presidenti delle Camere mi autorizzavano a sperare che l’alto monito pubblico del Presidente della Repubblica sarebbe stato ascoltato e rispettato. Il che, manifestamente, non è affatto assicurato se persino il P.D. è ancora e di nuovo impegnato sconsideratamente e istericamente a cercare di riportare il Parlamento nella gravissima situazione di illegittimità e di aperta rivolta contro imperativi costituzionalmente rilevanti, con costi pericolosissimi per la residua immagine democratica del Regime italiano. La responsabilità istituzionale della maggioranza, finalmente esercitata dopo averla offesa o ferita per un semestre, viene oggi denunciata sol perché il malcostume partitocratrico non aveva potuto soddisfacentemente realizzare i baratti consueti e caratterizzanti il Regime di monopartitismo sempre meno imperfetto, dominante ormai da oltre mezzo secolo la Repubblica.

    Fonte: Radicali.it | vai alla pagina

    Argomenti: partito democratico, radicali, Rai, Costituzione, Presidente della Repubblica, codice penale, commissione di vigilanza, Presidenti Camera e Senato | aggiungi argomento | rimuovi argomento
    » Segnala errori / abusi
    Pubblica su: share on twitter

 
Esporta Esporta RSS Chiudi blocco

Commenti (0)


Per scrivere il tuo commento devi essere loggato