Ti trovi in Home  » Politici  » Massimo D'ALEMA  » Non dobbiamo lasciare l'Afghanistan ai terroristi e al fanatismo islamico. - INTERVISTA

Chiudi blocco

Altre dichiarazioni nel periodo per gli stessi argomenti



Dichiarazione di Massimo D'ALEMA

Alla data della dichiarazione: Deputato (Gruppo: PD) 


 

Non dobbiamo lasciare l'Afghanistan ai terroristi e al fanatismo islamico. - INTERVISTA

  • (19 settembre 2009) - fonte: asca - inserita il 19 settembre 2009 da redazione

    Ritirarsi dall'Aghanistan? ''Sarebbe un segno di debolezza per un grande paese. Noi siamo li' sotto l'egida dell'Onu, in una missione internazionale e dobbiamo cercare di far si' che abbia success. Non dobbiamo lasciare l'Afghanistan ai terroristi e al fanatismo islamico''.

    Lo ha detto l'ex ministro degli Esteri Massimo D'Alema, intervistato dal Tg3 che chiede al governo ''maggiore serieta''' e non di farsi guidare dai sondaggi e cavalcando tutte le posizioni. D'Alema di fronte alle richieste internazionali di una conferenza sull'Afghanistan ricorda come questa proposta fu presentata dal governo di centrosinistra italiano e che rimase isolata a causa del governo Bush negli Usa.

    Ma i nostri soldati hanno i mezzi a sufficienza? Vanno cambiate le regole d'ingaggio?.

    ''Il governo deve dare alle forze armate cio' che essi chiedono. Il vero problema e' politico. E' evidente che la situazione in Afghanistan e' drammatica e bisogna cambiare strategia. Bisogna puntare di piu' sull'aiuto alle popolazioni civili. Non bisogna bombardare i villaggi, perche' in questo modo si semina odio e si uccidono le persone innocenti. Bisogna riportare al dialogo tutte quelle componenti della societa' afghana che non stanno con Al Qaeda ma che evidentemente non stanno neanche con Karzai''.

    Quando era ministro degli esteri lei lancio' la proposta di una conferenza internazionale di pace. Quell'idea e' ancora valida?.

    ''Si', con la differenza che allora eravamo isolati. Quando parlavamo di una conferenza internazionale per la pace, per il dialogo, per la riconciliazione nazionale, perche' c'era Bush. Adesso io credo che ci sono maggiori possibilita' che questa vecchia proposta del governo di centrosinistra possa essere all'attenzione dei governi europei e degli Usa''.

    Il governo si e' spaccato: Bossi vuole il ritiro, La Russa no e Berlusconi media. Lei come vede il tutto?.

    ''Il governo italiano cavalca tutte le posizioni, si fa guidare dai sondaggi. Non e' un bello spettacolo. Quando c'e' gente che muore il governo dovrebbe essere unito e serio''.

    Fonte: asca | vai alla pagina

    Argomenti: Afghanistan, missioni internazionali, guerra, esercito | aggiungi argomento | rimuovi argomento
    » Segnala errori / abusi
      0   nessun voto | È rilevante questa dichiarazione? Votala! | Nessun commento | Commenta
    Pubblica su: share on twitter

 
Esporta Esporta RSS Chiudi blocco

Commenti (0)


Per scrivere il tuo commento devi essere loggato