Ti trovi in Home  » Politici  » William TAMI  » Federalismo demaniale. I Beni vanno al territorio

Chiudi blocco

Altre dichiarazioni nel periodo per gli stessi argomenti



Dichiarazione di William TAMI

Alla data della dichiarazione: Consigliere  Consiglio Comunale Pavia di Udine (UD) (Gruppo: Lega) 


 

Federalismo demaniale. I Beni vanno al territorio

  • (20 giugno 2010) - fonte: LegaNordPavia - inserita il 20 giugno 2010 da 13352
    Niente più scuse. Con l’ok al primo decreto attuativo del Federalismo fiscale, che trasferisce i beni demaniali dallo Stato agli enti territoriali, si passa ai fatti. Le Regioni hanno l’occasione per mostrare di saper amministrare con diligenza e responsabilità. Non potranno nascondere l’eventuale fallimento. Per la cronaca, vanno a titolo gratuito alle Regioni i beni del demanio marittimo e idrico: spiagge, fiumi e laghi (eccetto quelli interregionali, in assenza di accordi fra le Regioni interessate). Alle Province sono conferiti laghi chiusi (senza emissario), miniere e una quota dei canoni del demanio idrico delle Regioni. Ai Comuni vengono assegnati beni immobili non demaniali. Sarà premiato chi saprà valorizzare il potenziale dei trasferimenti (un patrimonio che complessivamente supera i 3,5 miliardi di euro), mentre gli enti locali in dissesto economico non potranno vendere i beni attribuiti per fare cassa. Il Codice civile del 1942 stabilisce che lidi, spiagge, porti, fiumi, laghi, acque pubbliche, miniere, aeroporti, beni storici, archeologici e artistici, ferrovie, grandi strade, acquedotti, caserme, foreste appartengono allo Stato e sono gestiti dal Demanio. Ma con la nuova Costituzione si sono aggiunti Regioni, Province, Comuni e Città metropolitane, con lo stesso diritto a gestire il patrimonio pubblico. Da qui l’idea del decreto sul Federalismo demaniale, il quale prevede che agli enti territoriali possa essere trasferita parte dei beni demaniali. Operazione che getta le basi per una loro concreta valorizzazione. L’idea è di far fruttare questo patrimonio, affidandolo a chi ne ha gli strumenti. E’ il caso dei Comuni, che possono cambiare la destinazione d’uso di immobili e terreni con una variante urbanistica. Sulla questione degli stabilimenti balneari che pagano allo Stato canoni di concessione irrisori rispetto agli introiti (approfittando di un apparato centrale che fatica a effettuare i controlli del caso sul territorio), con la riunificazione in capo alle Regioni della podestà legislativa, della proprietà e del potere di controllo, potranno essere evitati molti abusi. I vertici della Ragioneria dello Stato, nel corso delle audizioni preparatorie del provvedimento sul Federalismo demaniale, hanno segnalato come nella situazione attuale un patrimonio di 3,5 miliardi di euro di beni pubblici renda, fra locazioni e altro, non più di una ventina di milioni di euro l’anno.Sono 9.127 immobili, 9.832 terreni e una settantina di piccoli aeroporti che saranno ceduti a titolo « » agli enti territoriali che li chiedono, affinché vengano valorizzati ed eventualmente venduti. Ci sono poi i beni demaniali, ovvero miniere, spiagge, laghi e fiumi, destinati a passare a Regioni e Province, che però potranno essere dati solo in concessione. Su tali beni non potranno cioè mai essere costituiti « diritti di superficie». Chi costruisce un ristorante sulla spiaggia avuta in concessione, non potrà divenirne proprietario né impedire l’accesso all’arenile. Fra le novità, un Comune che riceve ad esempio una caserma dismessa potrà decidere se valorizzarla per conto proprio o tramite un fondo immobiliare privato. Inoltre le spese di manutenzione dei beni trasferiti saranno scomputate dal patto di stabilità. Scelte oculate lasciano intravedere ampi margini di apprezzamento. Secondo alcune stime, infatti, il patrimonio pubblico complessivo - iscritto a bilancio per 50 miliardi di euro - varrebbe almeno quattro volte tanto. Gli enti locali dovranno rendere noti i processi di valorizzazione, anche pubblicandoli sui siti internet istituzionali. Lo scopo è di garantire trasparenza, avvicinando i cittadini al controllo della cosa pubblica. Questi potranno punire con il voto le amministrazioni locali che riterranno inefficienti o incapaci di gestire risorse che sono di tutti. Una clausola del decreto impedirà agli enti locali in dissesto finanziario di svendere i beni attribuiti per ripianare i debiti. Il 75% dei proventi delle eventuali vendite andrà agli enti locali, mentre il 25% finirà nel Fondo per l’ammortamento dei titoli di Stato. Servirà cioè allariduzione del debito pubblico nazionale. La dismissione potrà comunque avvenire soltanto dopo l’accertamento da parte dell’Agenzia del Demanio o del Territorio che i prezzi di vendita siano congrui ai valori di mercato. C’è chi straparla di «costi del federalismo » per mettere in agitazione i cittadini e insinuare dubbi sull’efficacia della riforma. Ma la legge parla chiaro: il Federalismo fiscale non costerà al contribuente un solo euro di maggiori tasse; si potrà pagare qualcosa in più alla Regione o al Comune e qualcosa di meno allo Stato, sempre però a somma zero. La Regione più virtuosa risulta essere il Veneto con soli 7.193 euro a persona, contro una media nazionale intorno ai 10.600 euro. Evidenziando così che, se nell’attuazione della riforma federalista si prenderà a riferimento il costo dei servizi del Veneto (che l’Istat colloca a un buon livello qualitativo), la spesa statale complessiva si ridurrà da 511 a 432 miliardi, con un risparmio di quasi 80 miliardi di euro l’anno. Altro che costi del federalismo. La definizione dei costi standard sarà fra l’altro preceduta dall’autonomia impositiva. I trasferimenti dallo Stato a Comuni e Province si tradurranno cioè in un’entrata fiscale diretta, facendo venire meno il circuito poco virtuoso che vede il cittadino dare soldi al centro e poi il centro alla periferia senza la minima trasparenza e responsabilizzazione. La denuncia dei redditi si consegnerà direttamente al proprio Comune, che conosce meglio di ogni altro le reali condizioni di vita dei suoi cittadini. Un nuovo salutare strumento contro l’evasione fiscale. Nel libro il sacco del nord , Luca Ricolfi, docente di Analisi dei dati all’Università di Torino, segnala come il Centro-Nord paghi ogni anno 20,4 miliardi di euro di tasse di troppo, mentre il Mezzogiorno fa mancare 17,9 miliardi... Tami William Consigliere Lega Nord
    Fonte: LegaNordPavia | vai alla pagina
    Argomenti: federalismo fiscale, Lega Nord | aggiungi argomento | rimuovi argomento
    » Segnala errori / abusi
    Pubblica su: share on twitter

 
Esporta Esporta RSS Chiudi blocco

Commenti (0)


Per scrivere il tuo commento devi essere loggato