Ti trovi in Home  » Politici  » Rita BERNARDINI  » Gli sprechi della Camera: «In 13 anni spesi 586 milioni di euro in affitti»

Dichiarazione di Rita BERNARDINI

Alla data della dichiarazione: Deputato (Gruppo: PD) 


 

Gli sprechi della Camera: «In 13 anni spesi 586 milioni di euro in affitti»

  • (12 agosto 2010) - fonte: Corriere della Sera - Fulloni Alessandro - inserita il 12 agosto 2010 da Carraro Gasparin

    I radicali denunciano gli sprechi della Camera.

    Per Marco Pannella è la storia di «un gruppo di amici, alcuni stanno alla Camera dei deputati e altri in una società immobiliare, la Milano 90 srl ».
    Il sodalizio, accusa il leader radicale, sarebbe nato e cresciuto sugli immobili. Al punto da confezionare «un cadeau» da 586 milioni di euro che la Camera ha pagato, a partire dal 1997, per l'affitto, la pulizia e il servizio mensa di palazzi, tutti nelle vicinanze di Montecitorio, tra Fontana di Trevi, via del Tritone e piazza San Silvestro.

    Edifici che ospitano gli uffici dei deputati, delle loro segretarie e porta-borse. Se della vicenda adesso si torna a parlare (ne avevano già scritto Gian Antonio Stella e Sergio Rizzo ne La Casta), lo si deve all'insistenza di Rita Bemardini, parlamentare radicale, che da due anni preme per avere la documentazione di contratti e rogiti.
    E anche, indirettamente, al presidente della Camera Gianfranco Fini, che ha messo online tutte le spese che sostiene Montecitorio, da quelle immobiliari ai 590 mila euro l'anno pagati per i corsi d'inglese o gli 810 mila euro per cancelleria, calcolatrici, taglierine e lavagne magnetiche.

    La storia del «cadeau» comincia nel 1997, quando Montecitorio decide di allargarsi, mettendosi alla ricerca di fabbricati prestigiosi. La scelta, nel periodo in cui è presidente della Camera Luciano Violante, cade su quattro stabili nei dintorni di Fontana di Trevi.
    A farsi avanti è il costruttore Sergio Scarpellini, solide-amicizie bipartisan, proprietario di una della maggiori scuderie italiane e di un immenso patrimonio immobiliare nella Capitale che bussa per proporre i suoi palazzi a due passi da Montecitorio.

    A dire il vero i primi edifici che offre ancora non sono suoi, anche se l'imprenditore è a un passo dalla conclusione dell'affare. In effetti li sta ancora trattando con gli allora proprietari (tra cui Telecom ed Enel), e questo lo si capisce anche da quel che c'è scritto nel contratto d'affitto stipulato per il primo immobile, tra via del Tritone e via del Pozzetto.
    E che Rita Bernardini è riuscita a farsi consegnare. La deputata radicale, ieri alla conferenza stampa per la presentazione del dossier ha scandito ad alta voce le parole dell'accordo:

    «Premesso che la Milano 90 srl ha in corso di acquisizione la proprietà e disponibilità del compendio immobiliare al rione Trevi-Colonna..».
    Poi, seduta accanto a Pannella, tronca bruscamente la lettura e condude: «Insomma, quando viene firmato il contratto Scarpellini ancora non ha gli immobili».

    Però quel corposo contratto che stringe in mano, della durata di 9 anni rinnovabili per altri 9, valore 12 miliardi annui delle vecchie lire, consente al costruttore di presentarsi in banca e ottenere i mutui necessari agli acquisti.

    «Per quanto è dato sapere sintetizza Marco Pannella, gli amici estendono il patto e sottoscrivono i nuovi contratti relativamente a quattro nuovi immobili, sempre nelle vicinanze di Montecitorio».

    Il totale sborsato è di 334 milioni di euro, che avrebbero consentito l'acquisto degli edifici, «con il risparmio di qualche lira o di qualche centesimo», osserva Bemardini.

    Nel 2007 la Camera prova a rescindere il contratto, ma le clausole sono studiate in modo tale che il tribunale civile di Roma, interpellato per un arbitrato, finisce per dare ragione alla «Milano 90».

    Non basta: i servizi aggiuntivi di pulizie, portierato e mensa «tutti finiti alla stessa società, senza bando», conteggiano meticolosi i radicali, costano all'erario «un totale di 222 milioni di euro».

    Fonte: Corriere della Sera - Fulloni Alessandro | vai alla pagina

    Argomenti: soldi pubblici, speculazioni finanziarie, costi della politica, speculazioni immobiliari, radicali al Parlamento, Camera dei Deputati, Pannella Marco | aggiungi argomento | rimuovi argomento
    » Segnala errori / abusi
      0   nessun voto | È rilevante questa dichiarazione? Votala! | Nessun commento | Commenta
    Pubblica su: share on twitter

 
Esporta Esporta RSS Chiudi blocco

Commenti (0)


Per scrivere il tuo commento devi essere loggato