Ti trovi in Home  » Politici  » Pierluigi CASTAGNETTI  » «È come la crisi del ’94» - INTERVISTA

Chiudi blocco

Altre dichiarazioni nel periodo per gli stessi argomenti



Dichiarazione di Pierluigi CASTAGNETTI

Alla data della dichiarazione: Deputato (Gruppo: PD) 


 

«È come la crisi del ’94» - INTERVISTA

  • (14 agosto 2010) - fonte: Avvenire - Gianni Santamaria - inserita il 14 agosto 2010 da Carraro Gasparin

    Pierluigi Castagnetti, esponente Pd e presidente della Commis­sione per le autorizzazioni a procedere della Camera, condivide l’opportunità di non votare in condi­zioni che «potrebbero perpetrarare la situazione di paralisi». Invita il Pdl ad accettare una soluzione alla Dini. E al suo partito indica l’intesa con il na­scente centro. Modello?
    La solidarietà nazionale di Aldo Moro.

    Come giudica l’intervento del Colle?

    Dice al momento giusto ciò che ci si attendeva. Certo, la situazione è mol­to deteriorata, ma spero che l’appel­lo sia accolto da chi avverte il dram­ma che stiamo attraversando. Non ci si rende conto che la crisi non ha solo evidenti ragioni politiche, ma si deve alla fine di un ciclo. I rischi so­no grandi. Perciò il presidente vuo­le evocare negli interlocutori un sen­so di responsabilità adeguato.

    Fine del bipolarismo?

    Non so. So, però, che sta finendo la Seconda Repubblica. Nata dalle macerie di Tangentopoli, si chiude con quelle di una questione morale che si è manifestata in modo diver­so, ma non meno grave. Allora la disaffezione dei cittadini si orientò alla piazza. Come appare dalle ultime elezioni, ora prevale la diserzione delle urne.

    Il Pdl: Berlusconi o voto. Per Gasparri Napolitano non farà come Scalfaro.

    Dovremmo, invece, ritrovare il senso di responsabilità repubblicana che si manifestò nel 1994. Ricordiamo come nacque il governo Dini. Anche allora Berlusconi voleva le urne. Invece il presidente difese il principio costituziona­le della centralità del Parlamento. Berlusconi alla fine si convinse a non estraniarsi dalla gestione della transizione.

    E oggi?

    Mi appello agli spiriti più responsabi­li del Pdl. Non si tratta di fare un go­verno che metta Berlusconi in mino­ranza, raccogliendo tutto e il contra­rio di tutto. Non sarebbe giusto, per­ché ha avuto i consensi. Si tratta di ge­stire - coinvolgendo il Pdl - una fase che ripristini alcune condizioni per tornare alla governabilità e mettere le basi di una nuova stagione. Un gover­no del presidente.

    Di Pietro dice: non è arbitro, gioca e a gamba tesa. Poi l’ex pm detta condi­zioni: tre mesi per riforma elettorale e poco altro.

    No, il presidente fa l’arbitro. Per for­tuna sono ancora saldi gli argini della Costituzione. Dove il Capo dello Stato è garante e si fa muovere solo da un principio inderogabile: l’interesse del Paese. La fase di transizione non deve per forza durare molto. Ma serve il tempo per condizioni minime sulla legge elettorale. Poi, è un mistero co­me e quando nascerà un’ipotetica Ter­za Repubblica.

    Se si arrivasse alle urne?

    Il Pd deve andarci in modo da porre le basi per uscire dalla crisi. È chiaro che, se nascerà il terzo polo, l’intesa sarà obbligata. A seguire, va ricercato insieme il candidato a­datto. Potrebbe anche essere una stagione transitoria, co­me la solidarietà nazionale. Nel disegno di Moro servì a u­nire forze che mantenevano le diversità, ma si ritrovavano nell’esigenza riaprire una dialettica nel Paese. Situazione paragonabile a oggi.

    Schifani si sente autorizzato, come Fini, a entrare in que­stioni politiche. E viene criticato da voi e da Fli.

    Fa politica, l’ha sempre fatta. Ricordo quando i presidenti delle Camere non erano coinvolti direttamente nell’ago­ne. Non avviene più da tempo ed è uno dei segni della degenerazione in atto.
    Il deputato del Pd consiglia al Cavaliere di accettare una soluzione analoga a quella che portò all’incarico a Dini: «Allora non si chiamò fuori»

    Fonte: Avvenire - Gianni Santamaria | vai alla pagina

    Argomenti: legge elettorale, tangentopoli, seconda repubblica, questione morale, crisi politica, governo tecnico | aggiungi argomento | rimuovi argomento
    » Segnala errori / abusi
      0   nessun voto | È rilevante questa dichiarazione? Votala! | Nessun commento | Commenta
    Pubblica su: share on twitter

 
Esporta Esporta RSS Chiudi blocco

Commenti (0)


Per scrivere il tuo commento devi essere loggato