Ti trovi in Home  » Politici  » Marco BELTRANDI  » Rai: Il Tg1 continua a nascondere le notizie

Chiudi blocco

Altre dichiarazioni nel periodo per gli stessi argomenti



Dichiarazione di Marco BELTRANDI

Alla data della dichiarazione: Deputato (Gruppo: PD) 


 

Rai: Il Tg1 continua a nascondere le notizie

  • (10 settembre 2010) - fonte: Apcom - inserita il 10 settembre 2010 da 31

    "Ritengo che mai la Rai tv abbia raggiunto in precedenza un livello così basso di rispetto del cosiddetto pluralismo. Ci sono soggetti politici, i radicali e quelli esclusi dal Parlamento, che sono letteralmente scomparsi dall'informazione del servizio pubblico.
    E c'è la testata ammiraglia Rai, il TG1, che si distingue per livello di faziosità sempre e solo a vantaggio di una determinante parte politica". E' quanto denuncia Marco Beltrandi, Radicale, componente della Commissione di Vigilanza sulla Rai.

    "Non sono tanto e soltanto gli editoriali del Direttore Augusto Minzolini a colpire la mia attenzione - spiega Beltrandi - ma l'azione costante di occultamento delle notizie quando ritenute lesive dell'attuale conflittuale maggioranza. Un esempio illuminante, l'ennesimo, nella edizione delle 20.00 di ieri sera", quando "la notizia della frenata sull'ipotesi di immediate elezioni anticipate da parte di Silvio Berlusconi, in contrasto con Umberto Bossi, il Tg1 provvedeva ad occultarla dandola dopo tutto il pastone politico e non facendo menzione al contrasto palese con la Lega Nord". L'esponente Radicale lancia quindi "un appello a tutti coloro che hanno il dovere e il potere di intervenire, dentro e fuori la Rai: è possibile andare avanti in questo modo, con il sostanziale silenzio anche degli organi di garanzia, peraltro in una fase politica così delicata?".

    Fonte: Apcom | vai alla pagina

    Argomenti: Rai, tg1, servizio pubblico, disinformazione | aggiungi argomento | rimuovi argomento
    » Segnala errori / abusi
    Pubblica su: share on twitter

 
Esporta Esporta RSS Chiudi blocco

Commenti (0)


Per scrivere il tuo commento devi essere loggato