Ti trovi in Home  » Politici  » Manes BERNARDINI  » “Case popolari? sì, ma prima agli italiani bolognesi”

Chiudi blocco

Altre dichiarazioni nel periodo per gli stessi argomenti



Dichiarazione di Manes BERNARDINI

Alla data della dichiarazione: Consigliere  Consiglio Comunale Porretta Terme (BO) (Lista di elezione: LISTA CIVICA)  - Consigliere Regione Emilia Romagna (Lista di elezione: Lega) 


 

“Case popolari? sì, ma prima agli italiani bolognesi”

  • (02 dicembre 2010) - fonte: Gruppo Lega Nord Emilia e Romagna - inserita il 07 aprile 2011 da Mariachiara MANOPULO

    “A Bologna come a Verona: precedenza ai cittadini italiani residenti in città, soprattutto se anziani, nell'assegnazione degli alloggi pubblici.”

    E' quanto chiede il consigliere regionale della Lega Nord Manes Bernardini, preannunciando una serie di iniziative anche a livello legislativo regionale per introdurre tale vincolo anche nella stessa disciplina regionale regolamentante la materia.

    Il consiglio di amministrazione dell'Azienda gestione edifici comunali (Agec) di Verona, infatti, ha approvato una delibera che modifica i criteri di assegnazione del punteggio per concorrere al bando regionale per l'assegnazione di alloggi pubblici.

    “Anche Bologna deve conformarsi, portando quei correttivi richiesti da gran parte della cittadinanza. Con la delibera del Comune di Verona, sul piano tecnico, sui 20 punti complessivi del bando 8 verranno assegnati secondo i seguenti criteri: 4 punti ai cittadini italiani residenti in città da oltre 20 anni (per i residenti da almeno 8 anni 1 punto, da almeno 10 anni 2 punti, da almeno 15 anni 3 punti); 4 punti alle coppie anziane, con uno dei due coniugi di oltre 65 anni, residenti nel Comune da almeno 10 anni. I criteri oggi utilizzati nell'assegnazione del punteggio sono, infatti, riferiti esclusivamente al reddito pro capite, al numero dei figli e alle condizioni precarie dell'alloggio. Criteri che di fatto” ricordata l’esponente della Lega Nord” privilegia in primis gli extracomunitari regolari. Con i criteri così modificati si torna ad assegnare gli alloggi pubblici anche ai cittadini italiani residenti da anni nella città.

    Sono proprio curioso” conclude Manes Bernardini” di sentire al riguardo le parole degli aspiranti candidati del centrosinistra bolognese. Queste sono le proposte programmatiche che ci interessano, la situazione di oggi che vede oltre 8.000 persone in lista di attesa per un alloggio va affrontata, ma cambiando le regole fino ad oggi applicate, non con le chiacchere.”

    Fonte: Gruppo Lega Nord Emilia e Romagna | vai alla pagina

    Argomenti: assistenza sociale, alloggi, extracomunitari, case popolari, Comune di Bologna | aggiungi argomento | rimuovi argomento
    » Segnala errori / abusi
      0   nessun voto | È rilevante questa dichiarazione? Votala! | Nessun commento | Commenta
    Pubblica su: share on twitter

 
Esporta Esporta RSS Chiudi blocco

Commenti (0)


Per scrivere il tuo commento devi essere loggato