Ti trovi in Home  » Politici  » Fabio EVANGELISTI  » Referendum. Il Governo incassa la fiducia ma la partita non è chiusa

Chiudi blocco

Altre dichiarazioni nel periodo per gli stessi argomenti



Dichiarazione di Fabio EVANGELISTI

Alla data della dichiarazione: Deputato (Gruppo: IdV) 


 

Referendum. Il Governo incassa la fiducia ma la partita non è chiusa

  • (24 maggio 2011) - fonte: sito personale - inserita il 25 maggio 2011 da Daniela SGAMBELLONE

    Il Governo, questo pomeriggio, ha incassato la fiducia da parte dell’Aula di Montecitorio sul maxiemendamento al Decreto Legge Omnibus. Hanno votato a favore 313 deputati, contrari 291, due gli astenuti. Il via libera definitivo dovrebbe arrivare domani. Durante l’esame in Senato, il Governo aveva cancellato l’impianto normativo sulle nuove centrali nucleari con l’esplicita intenzione, non di fermare lo scellerato progetto della reintroduzione del nucleare in Italia, ma per evitare che gli italiani vadano a votare il referendum del 12 e 13 giugno e, dunque, salvare il Premier e il suo “legittimo” impedimento.

    L’emendamento approvato oggi, infatti, non prevede alcuno stop al progetto nuclearista, bensì una moratoria che rinvia di due anni ogni decisione in merito alla questione. Nessun passo indietro, dunque, da parte del Governo, che ha soltanto un obiettivo specifico.

    Per spiegarlo non vi sono parole più chiare di quelle usate dallo stesso Berlusconi durante l’incontro bilaterale con il Presidente francese Nicolas Sarkozy dello scorso 26 aprile: “Siamo assolutamente convinti che l’energia nucleare sia il futuro per tutto il mondo. La gente era contraria, fare il referendum adesso avrebbe significato eliminare per sempre la scelta del nucleare”.

    Ipse dixit, ma per portare a compimento questo piano eversivo al Caimano non sarà sufficiente un manipolo di deputati ciecamente assoggettati alla sua volontà. Le opposizioni, infatti, stanno facendo alacremente il loro lavoro e faranno la loro parte sino all’ultimo momento utile. Domani, in Aula, ci attende un’altra giornata campale: dovremo presentare e illustrare tutti gli Ordini del Giorno attinenti il Decreto Omnibus, poi vi saranno le votazioni sugli odg sui quali il Governo avrà espresso parere contrario e, solo in serata, saranno pronunciate le intenzioni di voto e si procederà al voto finale sul Decreto. Contiamo di poter prolungare la seduta fino a sera, facendo perdere un’altra giornata ai progetti anti-referendum del Governo.

    Superato lo scoglio dell’Aula – l’esito, infatti, è purtroppo scontato – il Decreto sarà depositato sulla scrivania del Presidente della Repubblica. Noi di Italia dei Valori abbiamo chiesto a Napolitano di non firmare ma, prima o dopo, giovedì il Presidente firmerà e il testo potrebbe essere pubblicato in Gazzetta Ufficiale già venerdì.

    Una volta convertito in legge il Decreto e pubblicato sulla Gazzetta ufficiale, sarà la Corte di Cassazione a decidere se il provvedimento sia sufficiente a far revocare il referendum. La Corte ha già istruito la pratica e quindi nel giro di poche ore sapremo tutti se il 12 e 13 giugno potremo votare anche il quesito contro il ritorno del nucleare in Italia oppure no. Al di là del merito della sentenza della Cassazione, noi di Italia dei Valori porteremo avanti in ogni modo avanti le nostre battaglie, a livello nazionale e regionale.

    Continueremo l’ostruzionismo parlamentare, aumenteremo le occasioni di confronto e informazione, non smetteremo – come stiamo facendo in Toscana con il “Referendum on the road” – di calarci tra la gente e spiegare ai cittadini che, nonostante le distorsioni mediatiche e le storpiature legislative, i referendum non saranno tout court cancellati.

    In questa sfida, noi di Italia dei Valori faremo fino in fondo la nostra parte. Ma non basta: ogni cittadino che crede ancora nei valori della nostra democrazia e vuol dare una diversa prospettiva di sviluppo al nostro Paese, è chiamato a mettersi in gioco in prima persona, a rompere il muro del silenzio imposto dai media filogovernativi, a coinvolgere quante più persone possibile per l’appuntamento referendario.

    Fonte: sito personale | vai alla pagina

    Argomenti: Berlusconi, nucleare, referendum, acqua, Idv, toscana, /argomento/3242, legittimo impedimento | aggiungi argomento | rimuovi argomento
    » Segnala errori / abusi
      0   nessun voto | È rilevante questa dichiarazione? Votala! | Nessun commento | Commenta
    Pubblica su: share on twitter

 
Esporta Esporta RSS Chiudi blocco

Commenti (0)


Per scrivere il tuo commento devi essere loggato