Ti trovi in Home  » Politici  » Delia MURER  » Colpo di mano sul nucleare

Chiudi blocco

Altre dichiarazioni nel periodo per gli stessi argomenti



Dichiarazione di Delia MURER

Alla data della dichiarazione: Deputato (Gruppo: PD) 


 

Colpo di mano sul nucleare

  • (25 maggio 2011) - fonte: deliamurer.it - inserita il 25 maggio 2011 da Carraro Gasparin

    Cancellare il referendum sul nucleare con un decreto legge. Il governo ci prova. Ha posto e ottenuto la fiducia in Aula alla Camera sul cosiddetto decreto omnibus, dove ci sono le norme ammazza-referendum. La Camera ha votato la fiducia con 313 sì e 291 no e due astenuti. Il provvedimento, così, è passato. Un vero e proprio colpo di mano.

    ''Questa prova di arroganza – aggiunge l’on. Delia Murer – potrebbe comunque essere punita dai cittadini. A cominciare dai ballottaggi ma anche andando a votare comunque al referendum, dove ci saranno i quesiti importantissimi sull’acqua pubblica e sul legittimo impedimento”. Intanto, con la decisione di mettere la fiducia sul decreto omnibus, è evidente che il governo le stia provando tutte per sfuggire al voto degli italiani nel referendum indetto per il 12 e 13 giugno.

    Nelle norme che l'esecutivo vuole imporre non c'è nessun abbandono del piano nucleare ma solo un rinvio per evitare il giudizio dei cittadini che, come già dimostrato dal voto in Sardegna, è nettamente contrario al ritorno delle centrali nucleare in Italia. Presentato dall’esecutivo dopo il disastro di Fukushima e motivato dalla necessità di acquisire nuovi dati sulla sicurezza delle attuali tecnologie, l’emendamento sul nucleare contenuto nel decreto Omnibus riguarda la rinuncia, limitatamente ad un anno, all’energia atomica da parte dell’Italia. Con il sì della Camera vi sarebbe dunque solo una moratoria temporanea e non sarebbero abrogate tutte le disposizioni relative alla localizzazione e alla realizzazione di nuove centrali nucleari.

    Le ragioni del referendum verrebbero perciò aggirate, mentre il programma per il riavvio in Italia degli impianti subirebbe solo una battuta d’arresto e non uno stop definitivo. La parola ora spetta alla Corte di Cassazione che dovrà decidere se la norma supera il referendum oppure no.

    Fonte: deliamurer.it | vai alla pagina

    Argomenti: sardegna, nucleare, referendum, Camera dei Deputati, Referendum Abrogativo, diritto al voto, Corte di Cassazione, ballottaggi | aggiungi argomento | rimuovi argomento
    » Segnala errori / abusi
      0   nessun voto | È rilevante questa dichiarazione? Votala! | Nessun commento | Commenta
    Pubblica su: share on twitter

 
Esporta Esporta RSS Chiudi blocco

Commenti (0)


Per scrivere il tuo commento devi essere loggato