Ti trovi in Home  » Politici  » Luigi Bobbio  » Fincantieri «La situazione a Castellammare sta diventando insostenibile»

Chiudi blocco

Altre dichiarazioni nel periodo per gli stessi argomenti



Dichiarazione di Luigi Bobbio

Alla data della dichiarazione: Sindaco  Comune Castellammare di Stabia (NA) (Partito: Cen-des)  - Consigliere  Consiglio Comunale Castellammare di Stabia (NA) (Lista di elezione: Cen-des) 


 

Fincantieri «La situazione a Castellammare sta diventando insostenibile»

  • (25 maggio 2011) - fonte: leggo.it - inserita il 25 maggio 2011 da Carraro Gasparin

    Alta tensione a Castellammare di Stabia, dove il piano Fincantieri che prevede alcune centinaia di licenziamenti sta davvero facendo insorgere la popolazione. Il sindaco Luigi Bobbio ha chiesto addirittura l'intervento dell'esercito per controllare la protesta degli operai, che da questa mattina hanno bloccato alcune strade.

    «La situazione a Castellammare di Stabia sta diventando insostenibile - ha detto il sindaco Luigi Bobbio - da questa mattina sono in atto azioni sovversive in città. La protesta degli operai deve assolutamente rientrare e restare nei limiti della legalità. Chiedo, in maniera accorata, al prefetto di concentrare ora, subito, a Castellammare di Stabia tutte le forze necessarie a recuperare il controllo della piazza e a ripristinare la legalità. Un solo attimo di ritardo potrebbe far arrivare le cose troppo oltre. Se necessario coinvolgere l'Esercito. Chiedo allo Stato, in tutte le sue articolazioni, di non lasciare sola la città di Castellammare in questo difficile momento».

    Fonte: leggo.it | vai alla pagina

    Argomenti: lavoro, disoccupazione, licenziamenti, protesta, operai, Fincantieri | aggiungi argomento | rimuovi argomento
    » Segnala errori / abusi
      0   nessun voto | È rilevante questa dichiarazione? Votala! | 1 commento | Commenta
    Pubblica su: share on twitter

 
Esporta Esporta RSS Chiudi blocco

Commenti (1)

  • Inserito il 25 maggio 2011 da Carraro Gasparin
    Si arriva a chiedere l'intervento dell'esercito contro degli operai che non riescono più a mantenere col proprio lavoro le loro famiglie. Difendere il proprio lavoro non può essere sovversivo. Eventualmente, la sovversione è da ricercare nelle responsabilità politiche di chi ha permesso che si giungesse a chiudere uno dei fiori all'occhiello della cantieristica italiana che, fino a pochi anni fa, riceveva commesse da tutto il mondo. Sindaco, cerchi meglio i suoi sovversivi. Probabilmente si accorgerà di trovarseli più vicino di quanto creda.
    Vota il commento: Vota100% | Vota0%

Per scrivere il tuo commento devi essere loggato