Ti trovi in Home  » Politici  » Giuseppe TASSONE  » Referendum del 12 e 13 Giugno: E' importante andare a votare

Chiudi blocco

Altre dichiarazioni nel periodo per gli stessi argomenti



Dichiarazione di Giuseppe TASSONE

Alla data della dichiarazione: Pres.  Consiglio Comunale Cuneo (CN) (Gruppo: PD) 


 

Referendum del 12 e 13 Giugno: E' importante andare a votare

  • (30 maggio 2011) - fonte: beppetassone.it - inserita il 30 maggio 2011 da Beppe TASSONE

    E’ importante che il prossimo 12 e 13 giugno si vada a votare: si tratta di scelte che determineranno la nostra vita e quella dei nostri figli.

    Partecipare vuol dire non delegare ad altri scelte importanti, destinate a rivelarsi determinanti per molti anni: l’acqua pubblica, il nucleare, una giustizia uguale per tutti, non costituiscono vuoti argomenti, ma elementi determinanti per il nostro futuro e per la credibilità stessa dell'Italia.

    Troppe volte, in questi ultimi anni, referendum anche importanti sono stati vanificati dal non voto, col risultato che leggi, anche penalizzanti per la salute dei cittadini, non sono state cancellate e costringono molte persone ad andare all’estero per trovare risposte che da noi non sono ammesse.

    Con leggerezza, a volte, si preferisce non partecipare, delegare ad altri, accogliere l’invito al “non voto”, per poi scoprire quanto importante sarebbe stato manifestare il proprio pensiero.

    Non possiamo perdere l’occasione del 12 e 13 giugno: siamo chiamati a pronunciarci su argomenti che, se non saranno modificati radicalmente col voto, produrranno ricadute negative sul nostro futuro.

    Un appello, quindi ad andare a votare ed a respingere l’invito al “non voto” di chi non crede che la partecipazione cosciente costituisca l’elemento fondante della civiltà di un Paese o ha paura che la volontà dei propri concittadini si traduca in atti concreti.

    Le piazze di Spagna e di molte Nazioni del bacino del Mediterraneo si sono riempite di giovani che hanno rivendicato il diritto a determinare il proprio futuro: una scelta di partecipazione e di coscienza che dimostra maturità soprattutto se si considera l'assenza di ogni fondamentalismo.

    Il voto del 12 e 13 giugno è in linea con questa necessità di partecipazione: non è più il momento di delegare ad altri le scelte, né di trincerarci dietro il non voto. Ne va del nostro futuro: di questo occorre essere coscienti.

    Beppe Tassone

    Fonte: beppetassone.it | vai alla pagina

    Argomenti: giovani, voto, referendum, partecipazione | aggiungi argomento | rimuovi argomento
    » Segnala errori / abusi
      0   nessun voto | È rilevante questa dichiarazione? Votala! | Nessun commento | Commenta
    Pubblica su: share on twitter

 
Esporta Esporta RSS Chiudi blocco

Commenti (0)


Per scrivere il tuo commento devi essere loggato