Ti trovi in Home  » Politici  » Ermete REALACCI  » «Troppi costi e pericoli. Meglio le rinnovabili» - INTERVISTA

Chiudi blocco

Altre dichiarazioni nel periodo per gli stessi argomenti



Dichiarazione di Ermete REALACCI

Alla data della dichiarazione: Deputato (Gruppo: PD) 


 

«Troppi costi e pericoli. Meglio le rinnovabili» - INTERVISTA

  • (08 giugno 2011) - fonte: Giorno/Resto/Nazione - Alessandro Farruggia - inserita il 08 giugno 2011 da Carraro Gasparin

    Onorevole Ermete Realacci, ex presidente di Legambiente, antinuclearista doc, deputato Pd. Perchè è necessario andare a votare per bloccare l'atomo? Il governo dice che sul nucleare è già stata messa una pietra sopra...

    «E' necessario perché la legge approvata dal governo non blocca affatto il nucleare, ma lo sospende. Del resto l'interpretazione autentica l'ha data il presidente Berlusconi che ha pubblicamente dichiarato che il blocco serviva a non far votare gli italiani adesso e a rinviare la decisione a fra un anno, quando, sedimentata Fukushima, si sarebbe potuto allegramente riproporre il nucleare. E quindi serve che gli italiani dicano una parola chiara per evitare che si continui a perdere tempo su una scelta che è vecchia, costosa e pericolosa»

    Perchè il nucleare e una scelta superata?

    «Perchè è una tecnologia vecchia. Il nucleare ha problemi irrisolti che vengono dal passato - gestione delle scorie e piccola ma non inesistente possibilità di incidente catastrofico - e una crescente insostenibilità economica. In occidente il nucleare non è stato fermato dai referendum, ma dai costi».

    Quale mix energetico proponete invece?

    «Un saggio mix di risparmio energetico, gas, rinnovabili. Il fotovoltaico si sta avvicinando a grandi passi alla competitività con le fonti fossili: nel Sud Italia ci arriveremo entro un paio d’anni. E allora, vogliamo legarci le mani per 40 anni con il nucleare? Non esiste.
    Facciamo invece come la Germania e diventiamo leader nella green economy»

    Non crede che molti elettori del Pd temano che il referendum diventi una conta sul premier, e finiranno per restare a casa?

    «E’ possibile ma la sensibilità sul tema del nucleare e dell’acqua è molto forte anche tra gli elettori del centrodestra, e non credo che rinunceranno al diritto di scelta. A loro dico: guardate al futuro vostro e dei vostri figli».

    Fonte: Giorno/Resto/Nazione - Alessandro Farruggia | vai alla pagina

    Argomenti: centrodestra, nucleare, referendum, risparmio energetico, fonti rinnovabili, fotovoltaico, germania, Referendum Abrogativo, gas, scorie, Referendum e Democrazia Diretta, green economy, referendum acqua, acqua bene comune, referendum nucleare, Referendum 2011 | aggiungi argomento | rimuovi argomento
    » Segnala errori / abusi
      0   nessun voto | È rilevante questa dichiarazione? Votala! | Nessun commento | Commenta
    Pubblica su: share on twitter

 
Esporta Esporta RSS Chiudi blocco

Commenti (0)


Per scrivere il tuo commento devi essere loggato