Ti trovi in Home  » Politici  » Rosy BINDI  » «Non fermiamo l’onda civica» - INTERVISTA

Chiudi blocco

Altre dichiarazioni nel periodo per gli stessi argomenti



Dichiarazione di Rosy BINDI

Alla data della dichiarazione: Deputato (Gruppo: PD)  - Vicepres. Camera  


 

«Non fermiamo l’onda civica» - INTERVISTA

  • (11 giugno 2011) - fonte: il Fatto Quotidiano - Wanda Marra - inserita il 11 giugno 2011 da Carraro Gasparin

    «Tutti alle urne, siamo vicini al quorum. Voto politico? L’ha detto B.»

    «Siamo intorno al 50 per cento. E vorrei fare un caldo invito al voto. Ce la possiamo fare a raggiungere il quorum, se tutti vanno a votare. Ma come si dice sempre, anche in questo caso c’è bisogno dell’ultimo sforzo degli indecisi dell’ ultimo giorno».

    Rosy Bindi che ieri ha deciso di chiudere la campagna referendaria in un luogo simbolico come Scanzano Jonico dove il governo voleva portare le scorie nucleari, è battagliera. E non si tira indietro neanche rispetto alle conseguenze politiche del referendum.

    E’ un voto politico o no?

    Le conseguenze politiche saranno successive. Intanto dobbiamo votare sì per abrogare delle brutte leggi del governo. Ma è il momento giusto per rafforzare un’onda civica. Il centrodestra non a caso ha cercato di fare un’operazione di sminamento, parlando di libertà di voto. E Berlusconi come aveva già fatto per le amministrative ci ha messo la faccia. I referendum sono inutili ha dichiarato. E poi: "Non andrò a votare". Il carico politico ce l'ha messo lui.

    Se non si dovesse raggiungere il quorum sarà un boomerang ?

    Se non si raggiunge il quorum restano in vigore delle brutte leggi. Se invece vincono i sì, si dovrà fare una riflessione: il governo i referendum non li vince ma li può perdere. E comunque ci sarà un’alta partecipazione: siamo intorno al 50 per cento, al 50 per cento più 1. Anche se non si dovesse raggiungere il quorum con un affluenza così, il governo ne esce sconfitto.

    Hanno accusato voi del Pd di salire sul carro del possibile vincitore e di aver cambiato idea sul nucleare e sull’acqua.

    I fatti sono che siamo sempre stati contro il progetto di nucleare e abbiamo votato contro il decreto Ronchi sull’acqua.

    Ma la vostra proposta di legge sull’acqua è diversa da quella dei referendari.

    Noi abbiamo presentato una proposta di legge in cui l’acqua viene considerata bene comune e si esclude la speculazione. Ma comunque prima facciamo passare il referendum, poi ci sediamo intorno a un tavolo e discutiamo della legge.

    A proposito di amministrative, cosa pensa del fatto che a Milano e Napoli - le vittorie più importanti - sono passati candidati non del Pd ?

    Sfido chiunque a rifare le elezioni e a vincere senza il Pd. Queste elezioni hanno invece confermato che il Pd è l’asse di un centrosinistra che vince.

    Nell'intervista a Repubblica della settimana scorsa, D’Alema ha parlato della disponibilità a sostenere un governo non di Berlusconi, facendo riaffiorare l’idea del governissimo. E’ un'ipotesi di cui si parla nel partito?

    Una cosa sono le interviste, una cosa sono le posizioni ufficiali: la direzione del partito lunedì ha votato all’unanimità la relazione di Bersani, in cui si chiedeva governo a casa e elezioni.

    Anche la politica delle alleanze è quella tracciata da Bersani ?

    Noi pensiamo a un Nuovo Ulivo con Pd, Sel e Idv. E il dialogo con il Terzo Polo. Un percorso che è già iniziato tant’è vero che Pisapia ha nominato un loro esponente, Bruno Tabacci Assessore e il candidato del Terzo Polo a Napoli, Pasquino sarà il presidente del Consiglio comunale di De Magistris.

    Molti parlano di rischio Unione…

    Non c’è questo rischio: tracceremo un perimetro programmatico molto preciso. Non avremmo mai vinto così senza i voti del Terzo Polo. E chi vuole un centrosinistra diviso sbaglia.

    Vendola in un’intervista al Corriere della Sera ha promosso l’idea di un soggetto unico del centrosinistra. E’ d’accordo?

    Se intende un unico partito no, non sono d’accordo. Il Pd deve mantenere la sua configurazione di forza di centrosinistra riformista. Non posso pensare al nostro futuro senza un alleanza con Idv e Sel, ma un unico partito sarebbe un errore.

    Gad Lerner ha lanciato la sua candidatura alla leadership del centrosinistra. E’ disponibile ?

    Ringrazio Gad Lerner, ma penso che il candidato del Pd alle primarie - che secondo me vanno fatte - sia Bersani.

    Niente alleanza con Vendola ?

    Vendola si candiderà alle primarie, ma a vincerle sarà Bersani.

    Esclude la possibilità di candidarsi ?

    Potrei farlo se fosse il mio partito a chiedermelo. Ma non è nelle cose.

    E se glielo chiedesse ?

    A quel punto mi rifai la domanda.

    Renzi in un'intervista alla Stampa ha detto che lui ha un suo candidato e che si tratta di una donna under 40…

    Se Renzi vuol prendersi la responsabilità che il Pd vada diviso alle primarie, lo faccia, io questa responsabilità non me la prendo.

    Fonte: il Fatto Quotidiano - Wanda Marra | vai alla pagina

    Argomenti: centrodestra, centrosinistra, alleanze, terzo polo, Referendum Abrogativo, Governo Berlusconi IV, scorie, quorum, Primarie PD, primarie di coalizione, referendum acqua, acqua bene comune, referendum nucleare, Referendum 2011 | aggiungi argomento | rimuovi argomento
    » Segnala errori / abusi
      0   nessun voto | È rilevante questa dichiarazione? Votala! | 1 commento | Commenta
    Pubblica su: share on twitter

 
Esporta Esporta RSS Chiudi blocco

Commenti (1)

  • Inserito il 12 giugno 2011 da Massimo LANGELLA
    VERGOGNA, VERGOGNA, VERGONA : la solita liceità della "nuova sinistra" ....Dichiarazione elettorale inserita in periodo di 'silenzio elettorale' .... Questa regola non vale per i "compagni". Correttezza. Questo vuole il Popolo oggi.. Adesso potete anche smettere di chiederVi perchè il Popolo ha votato BERLUSCONI. Auguri
    Vota il commento: Vota0% | Vota0%

Per scrivere il tuo commento devi essere loggato