Ti trovi in Home  » Politici  » Vasco ERRANI  » «Le Regioni pronte a fare la loro parte ma il governo deve metterci la faccia» - INTERVISTA

Chiudi blocco

Altre dichiarazioni nel periodo per gli stessi argomenti



Dichiarazione di Vasco ERRANI

Alla data della dichiarazione: Pres. Giunta Regione Emilia Romagna (Partito: Cen-sin)  - Consigliere Regione Emilia Romagna (Gruppo: PD) 


 

«Le Regioni pronte a fare la loro parte ma il governo deve metterci la faccia» - INTERVISTA

  • (25 giugno 2011) - fonte: la Repubblica - Vladimiro Polchi - inserita il 25 giugno 2011 da Carraro Gasparin

    Napoli è un`emergenza nazionale, non lasceremo sola la città.

    «Oggi tutte le istituzioni del Paese devono farsi carico dell`emergenza rifiuti». Vasco Errani, governatore dell`Emilia-Romagna, parla a nome della Conferenza delle Regioni che presiede: «Difronte ai rischi per la salute dei cittadini, il Comune di Napoli e la Regione Campania non possono essere lasciate sole, ne va anche dell`immagine del nostro Paese nel mondo». Insomma, nello smaltimento dell`immondizia napoletana le Regioni sono pronte a fare la loro parte, ma il primo a metterci la faccia deve essere il governo, che «deve riconoscere l`emergenza e convocare subito un tavolo con tutte le parti».

    Anche il presidente della Repubblica ritiene indispensabile "un intervento del governo per favorire l`impegno delle Regioni".

    «Condivido in pieno le parole del capo dello Stato. Giovedì scorso, la Conferenza delle Regioni ha chiesto al governo un incontro urgente sul problema dei rifiuti a Napoli. Abbiamo scritto una lettera al presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi e al ministro per i rapporti con le Regioni, Raffaele Fitto. Ora attendiamo una risposta. Siamo infatti di fronte a un`emergenza nazionale, che richiede un impegno di tutta la Repubblica, nei suoi diversi livelli, per provare a dare una risposta».

    Non crede che la gestione del problema debba ricadere solo sulle spalle degli enti locali responsabili?

    «Credo che sia giusto che Regione e Comune approntino un piano che dia finalmente risposte strutturali e definitive al problema dello smaltimento dei rifiuti urbani. Ma oggi, con l`emergenza in corso, è l`intera Repubblica a doversi fare carico della soluzione, con un ruolo fondamentale del governo, chiamato a garantire questo impegno comune».

    A questo proposito il capo dello Stato ha espresso la sua "inquietudine per la mancata approvazione da parte del consiglio dei Ministri del decreto legge" che consentirebbe il trasferimento dei rifiuti.

    «Il ragionamento è semplice e non va politicizzato: l`emergenza riguarda oggi tutto il Paese, la salute dei cittadini, l`immagine dell`Italia nel mondo. Tutti siamo chiamati ad assumercene la responsabilità e il governo deve fare la sua parte: già alcuni mesi fa si era posto il problema e le Regioni si erano dette pronte a collaborare».

    Eppure il governatore del Veneto, Luca Zaia, ha ribadito ieri il suo rifiuto ad accogliere i rifiuti campani.

    «Ne prendo atto. Rimango però convinto che di fronte a un'emergenza che colpisce la Repubblica, tutti devono essere coinvolti, tutte le istituzione del Paese sono chiamate in causa. E il governo deve farsi garante di questa scelta».

    Fonte: la Repubblica - Vladimiro Polchi | vai alla pagina

    Argomenti: napoli, emergenza, rifiuti campania, regione veneto, presidente Napolitano, regione Campania, rifiuti napoli, salute pubblica, Regioni, decreto legge, comune di napoli, Zaia Luca, Smaltimento Rifiuti | aggiungi argomento | rimuovi argomento
    » Segnala errori / abusi
      0   nessun voto | È rilevante questa dichiarazione? Votala! | Nessun commento | Commenta
    Pubblica su: share on twitter

 
Esporta Esporta RSS Chiudi blocco

Commenti (0)


Per scrivere il tuo commento devi essere loggato