Ti trovi in Home  » Politici  » Renato BRUNETTA  » Pareggio nel 2013, ma partiamo subito INTERVISTA

Chiudi blocco

Altre dichiarazioni nel periodo per gli stessi argomenti



Dichiarazione di Renato BRUNETTA

Alla data della dichiarazione: Deputato (Gruppo: FI)  -  Ministro  PA e innovazione (Partito: PdL) 


 

Pareggio nel 2013, ma partiamo subito INTERVISTA

  • (07 agosto 2011) - fonte: www.renatobrunetta.it - inserita il 18 agosto 2011 da georgiastark
    “Per fare il ‘close to balance’ nel 2013 senza deprimere l’economia serve una cura doppia: antibiotici e vitamine”. Il Ministro Renato Brunetta illustra la sua ricetta per il rilancio dell’economia, in un’intervista al Sole 24 Ore. Il primo antibiotico e’ l’azzeramento del fabbisogno. Confidiamo di riuscire a intervenire su alcune voci di spesa e di avere buone entrate nella seconda parte dell’anno. Il nostro obiettivo primario e’ riuscire a ridurre il deficit/Pil gia’ quest’anno abbassandolo al 3,3% rispetto a un tendenziale di 3,9%. La progressione potrebbe essere mantenuta con un deficit/Pil all’1,5% l’anno prossimo per poi arrivare al ‘close to balance’ nel 2013 con un deficit/Pil allo 0,2-0,3%”. Per quel che riguarda il Pil, ”confido ancora che quest’anno si possa fare un +1,1%”. In merito alla delega assistenziale e fiscale, ”l’obiettivo e’ ottenere la legge delega entro l’autunno per varare i principali decreti legislativi a fine anno”, afferma Brunetta. ”Dal 2012, gradualmente, entra in vigore il nuovo fisco e il nuovo assetto delle tax expenditure che ridisegneranno lo Stato assistenziale”. Rassicura però sulla pressione fiscale: ”Il percorso sara’ graduale ed equilibrato”. Le vitamine, spiega Brunetta ”arriveranno con l’attuazione in tempi certi e controllati insieme con le parti sociali delle 27 misure per la crescita contenute nel decreto sviluppo di maggio e nella manovra correttiva di luglio. A quelle misure si aggiungeranno poi i punti condivisi del documento unitario presentato dalla parti sociali giovedi”’. A breve termine, ”razionalizziamo la spesa delle province e le funzioni dei comuni minori come previsto nei decreti attuativi del federalismo fiscale”, dichiara Brunetta. ”Procederemo poi con le semplificazioni dopo le ultimissime varate in materia di norme ambientali, antincendi e sulla privacy nelle aziende. E ancora: il fisco di vantaggio e la realizzazione su un’agenda ferrea degli investimenti varati dal Cipe”. Il ministro punta anche a ”recuperare il decreto Ronchi, con il 23 bis”, vale a dire ”la privatizzazione delle public utilities, senza l’acqua”. L’inserimento del vincolo del pareggio nella Costituzione ”ridisegnera’ il panorama politico italiano: da una parte staranno le forze per il rigore, lo sviluppo e la crescita; dall’ altra chi punta alla stagnazione e al lassismo”, sostiene Brunetta. ”Si blinda per sempre l’articolo 81, basta spesa fuori giri. E poi ci sara’ il nuovo articolo 41 sulla liberta’ d’impresa. Cosi’ si centra l’obiettivo della credibilita”’. “Arriviamo alle elezioni politiche nella primavera del 2013 con un nuovo sistema tributario, nuove liberalizzazioni realizzate, privatizzazioni, una pubblica amministrazione piu’ efficiente e il nuovo Statuto dei lavori. Ma soprattutto con un deficit/Pil prossimo allo zero e il nuovo vincolo in Costituzione”. http://www.renatobrunetta.it/2011/08/07/pareggio-nel-2013-ma-partiamo-subito/#more-8964
    Fonte: www.renatobrunetta.it | vai alla pagina
    Argomenti: pdl, Brunetta Renato, pareggio bilancio | aggiungi argomento | rimuovi argomento
    » Segnala errori / abusi
      2   voti | È rilevante questa dichiarazione? Votala! | Nessun commento | Commenta
    Pubblica su: share on twitter

 
Esporta Esporta RSS Chiudi blocco

Commenti (0)


Per scrivere il tuo commento devi essere loggato