Ti trovi in Home  » Politici  » Luca ZAIA  » «Mai una nuova addizionale regionale Irpef»

Chiudi blocco

Altre dichiarazioni nel periodo per gli stessi argomenti



Dichiarazione di Luca ZAIA

Alla data della dichiarazione: Pres. Giunta Regione Veneto (Partito: Lega)  - Consigliere Regione Veneto (Lista di elezione: Lega) 


 

«Mai una nuova addizionale regionale Irpef»

  • (16 agosto 2011) - fonte: mattinopadova.gelocal.it - inserita il 16 agosto 2011 da georgiastark
    Il governatore Zaia all'attacco: «Mai una nuova addizionale regionale Irpef» "Non intendo mettere le mani in tasca ai veneti" . Ma per far quadrare il bilancio regionale sarà necessario tagliare 200 milioni di euro. Ok alla manovra ma "lavorare fino a 67 anni è troppo" ''Ribadisco il mio no all'inserimento di una addizionale Irpef: non avallerò mai una simile decisione, perché non intendo mettere le mani in tasca ai Veneti, venendo meno alla decisione presa un paio di anni fa''. Così il presidente del Veneto, Luca Zaia, ha spiegato che, per far quadrare il bilancio, non è in previsione nessuna nuova tassa regionale. ''Ovviamente - ha aggiunto - si dovrà tirare la cinghia, ricordando che mancheranno all'appello 160 milioni di euro''. "La nuova manovra è vigorosa e necessaria e, per il Veneto, avrà un peso importante: comportando un taglio complessivo per gli enti locali di sei miliardi e mezzo, che si aggiungono ai quasi tredici della prima manovra di poche settimane fa, fermo restando l'ok del Parlamento, si tradurrà per noi in almeno 150 e forse fino a 200 milioni lasciati sul campo, che si aggiungono ai 450 venuti meno con la prima manovra. Ma siamo consapevoli che il momento è drammatico e stiamo cercando di fare un po' di contabilità perché vogliamo fare la nostra parte''. ''Siamo pronti a nuovi sacrifici - ha aggiunto Zaia - non per il colore del governo, ma perché si tradurranno in stabilità per i nostri cittadini, evitando il default e garantendo i risparmi di una vita di ciascuno di loro. E ben venga la presa di posizione del Presidente del Consiglio, che ha parlato di una manovra aperta, perché servirà la massima coesione, da trovare a livello regionale e nazionale''. ''Dobbiamo puntare a un bilancio di salute pubblica basato sui principi della solidità, della salvaguardia del valore dei nostri cittadini e del mantenimento di alcuni servizi che vanno considerati il nostro 'core business': sanità, formazione scuola e lavoro, sociale e trasporto pubblico locale. Saranno questi i quattro pilastri che costituiranno la base della piattaforma su cui scriveremo il nostro bilancio''. ''E' evidente - ha proseguito Zaia - che i conti non tornano, con entrate che si sono dimezzate in un anno e mezzo. Se togliamo le spese vincolate e le spese per i quattro pilastri fondamentali, il conto ci dà infatti almeno un meno 200 milioni. Ecco perché bisogna rimboccarci le maniche, mettere le mani nel motore pronti a sporcarsele anche di sangue: il paziente ha bisogno di una cura da cavallo e noi cercheremo di fare un percorso insieme. E ricordo, al riguardo la teoria dei bisogni di Friedman: ha più bisogno chi ha avuto e non ha più''. Cosi' Zaia ha ammonito: ''I discorsi di un anno fa sono anacronistici e quelli che rischiamo di fare tra un anno innovativi: il problema corre molto più veloce delle possibili soluzioni. E dobbiamo quindi cercare di fare in temi rapidi, anche per quanto riguarda il bilancio''. "Lavorare fino a 67 anni? E' troppo". 'Restare a lavorare fino a 67 anni mi sembra sbagliato: sono in molti quelli che arrivano in gamba a quell'età e continuano a lavorare, ma decidono loro di farlo e non sono obbligati''. "Introdurre il reato di omicidio stradale". ''Sarebbe necessario introdurre il reato specifico di omicidio stradale, perché non si tratta di reato colposo, ma c'è un' assunzione totale di responsabilità da parte di chi si mette alla guida ubriaco o sotto l'effetto di droghe''. ''Penso a una soluzione tecnica che mi ha suggerito un amico americano: mettere una fila di chiodi su tutte le rampe autostradali, in grado di forare tutti e quattro i pneumatici di chi guida contromano, senza invece procurare danni agli altri. Costerebbe poco e credo darebbe risultati importanti''.
    Fonte: mattinopadova.gelocal.it | vai alla pagina
    Argomenti: irpef, regione veneto, Lega Nord, /argomento/3242, Luca Zaia | aggiungi argomento | rimuovi argomento
    » Segnala errori / abusi
      2   voti | È rilevante questa dichiarazione? Votala! | Nessun commento | Commenta
    Pubblica su: share on twitter

 
Esporta Esporta RSS Chiudi blocco

Commenti (0)


Per scrivere il tuo commento devi essere loggato