Ti trovi in Home  » Politici  » Giovanni LA VIA  » Ok a Strasburgo sul Bilancio europeo 2012

Chiudi blocco

Altre dichiarazioni nel periodo per gli stessi argomenti



Dichiarazione di Giovanni LA VIA

Alla data della dichiarazione: Deputato Parlamento EU  (Gruppo: PPE) 


 

Ok a Strasburgo sul Bilancio europeo 2012

  • (26 ottobre 2011) - fonte: www.openpolis.it - inserita il 26 ottobre 2011 da Marcella BUCCA
    La Plenaria del Parlamento europeo ha adottato la sua posizione sul bilancio generale dell'Unione europea per il 2012. Con 431 voti a favore, 120 contrari e 124 astensioni, il voto ha sottolineato l'approccio responsabile degli eurodeputati, consapevoli del contesto di crisi economica in cui si trova l'Europa, ma anche convinti della necessità di utilizzare le risorse europee in maniera efficace, insistendo sul ruolo del bilancio europeo quale strumento di rilancio dell'economia attraverso un piano di investimenti. La strategia Europa 2020 é la protagonista di questo bilancio, che punta alla crescita intelligente sostenibile ed inclusiva dell'UE, valorizzando il concetto di valore aggiunto europeo, che dimostra come la spesa europea generi benefici chiari e visibili a favore dell’Unione e dei suoi cittadini. La linea principale é stata quella di reagire con forza ai tagli proposti dal Consiglio nella sua lettura, attraverso il ripristino del progetto di bilancio, così come presentato dalla Commissione Europea, e con l'aggiunta di una serie di incrementi concentrati in un numero limitato ma selettivo di linee, che riflettono pienamente le priorità espresse dal Parlamento nei mesi precedenti. "Abbiamo ritenuto opportuno - dichiara Giovanni La Via, relatore ombra per il PPE - sostenere politiche e settori chiave per la crescita dell'Europa, attraverso il supporto alla ricerca (7° Programma Quadro), con stanziamenti destinati a promuovere la competitività delle imprese, in particolare delle piccole e medie imprese (PMI), a favorire l’innovazione e supporto dei giovani (Lifelong Learning - Erasmus), con una serie di aumenti strategicamente mirati al rilancio degli investimenti in Europa". L'approccio responsabile si é manifestato nella scelta di non superare i margini delle singole rubriche, se non per la Rubrica 4, che ha dovuto fronteggiare eventi imprevedibili al tempo della programmazione finanziaria, e per la rubrica 1a, che vede concentrate le priorità della Strategia EU2020, rubriche per le quali si chiederà la mobilitazione dello strumento di flessibilità. Per quanto riguarda la Rubrica 2 é stata ribadita la necessità dell'impegno finanziario nel settore agricolo, con la messa a disposizione di fondi e risorse adeguate rispetto alle sfide da affrontare, e con la difesa del Fondo di aiuti alimentari agli indigenti. In particolare, é stato stanziato un importo 250 milioni di euro, interamente a carico dell'UE, a tutela dei produttori ortofrutticoli, danneggiati dalla crisi provocata dal batterio dell'E. coli, e che disporranno così, nell'ambito dei programmi operativi delle organizzazioni dei produttori, di maggiori risorse per interventi nella gestione delle crisi. E', inoltre, stato difeso il programma alimentare di aiuto agli indigenti, con la richiesta della conferma dell'impegno di 500 milioni di euro insieme all'attivazione di una nuova base giuridica. "Ho fortemente - prosegue La Via - sostenuto il fondo alimentare per gli indigenti perché volevo mandare un messaggio di attenzione ai più deboli, di solidarietà da parte di un'Europa che non può far mancare il proprio sostegno alle fasce meno abbienti della popolazione in un momento difficile come quello che stiamo vivendo. Questo voto segna un importante risultato anche in materia di politiche di immigrazione. "Abbiamo eliminato i tagli operati dal Consiglio sul Fondo europeo delle frontiere esterne e sul Fondo europeo per i rimpatri, linee per le quali ha chiesto il ripristino del Bilancio UE. Al contempo abbiamo chiesto risorse aggiuntive sulla linea Frontex (Agenzia UE per le frontiere esterne), per l'ufficio europeo di sostegno per l'asilo politico e per il Fondo europeo per i rifugiati. "Nello spirito di reciproca responsabilità e solidarietà tra gli Stati membri, - prosegue La Via - queste misure si rivelano necessarie sia per il rafforzamento della sicurezza interna nell´UE che per l´assistenza ai territori nei quali avvengono le operazioni di prima accoglienza degli immigrati." Il livello di stanziamento degli impegni si attesta a 147.767 milioni di euro (equivalente al 1,13% del RNL dell'UE) mentre gli stanziamenti di pagamento ammontano a 133.144 milioni di euro (equivalente al 1,01% del RNL dell'UE). La posizione adottata dal Parlamento Europeo comporta un aumento degli impegni del 3,95% ed un aumento dei pagamenti del 5,23% rispetto al bilancio 2011. "L'aumento degli stanziamenti di pagamento, che superano il livello proposto dalla Commissione (132.738 milioni di euro), é dovuto - conclude Giovanni La Via - al fatto che ci troviamo al 6° anno delle prospettive finanziarie, per cui i programmi e le azioni si avviano alla conclusione e richiedono pagamenti." La tappa successiva è rappresentata dal periodo di Conciliazione (circa 20 giorni) che a partire da novembre, interesserà il Parlamento europeo ed il Consiglio, che in caso di accordo, condurrebbero all`approvazione del bilancio generale definitivo 2012 già nella miniplenaria di Bruxelles prevista per il prossimo 30 novembre.
    Fonte: www.openpolis.it | vai alla pagina
    Argomenti: immigrazione, economia, agricoltura, bilancio europeo | aggiungi argomento | rimuovi argomento
    » Segnala errori / abusi
      0   nessun voto | È rilevante questa dichiarazione? Votala! | Nessun commento | Commenta
    Pubblica su: share on twitter

 
Esporta Esporta RSS Chiudi blocco

Commenti (0)


Per scrivere il tuo commento devi essere loggato