Ti trovi in Home  » Politici  » Cesare DAMIANO  » Su esodati: non lasciare lavoratori senza reddito

Chiudi blocco

Altre dichiarazioni nel periodo per gli stessi argomenti



Dichiarazione di Cesare DAMIANO

Alla data della dichiarazione: Deputato (Gruppo: PD) 


 

Su esodati: non lasciare lavoratori senza reddito

  • (14 aprile 2012) - fonte: Asca - inserita il 14 aprile 2012 da Carraro Gasparin

    ''Stiamo assistendo ad una girandola di dichiarazioni a proposito dei cosiddetti esodati. Non partecipiamo alla battaglia dei numeri perchè, anche quando c'è un'evidente discordanza tra quelli forniti dall'Inps e quelli del ministro, c'è sempre una spiegazione che aggiusta tutto. Infatti, dall'Inps si chiarisce che i 130 mila in mobilità esodati e licenziati individuali, ai quali si somma il milione e 400 mila lavoratori che hanno effettuato versamenti volontari, rappresentano una ''platea potenziale''.

    Lo ha detto Cesare Damiano, capogruppo Pd nella commissione Lavoro della Camera, che oggi, insieme alle colleghe Maria Grazia Gatti e Maria Luisa Gnecchi, ha partecipato alla manifestazione indetta unitariamente da Cgil, Cisl e Uil sulle pensioni.

    ''I 65 mila del ministero sarebbero, di conseguenza, quelli immediatamente coinvolti. Il ragionamento che vorremmo fare è il seguente: se il governo è così sicuro delle sue cifre, che a noi paiono largamente sottostimate, per le quali ha già stanziato le risorse, non ha nulla da temere. E' sufficiente inserire nell'attuale normativa una clausola di automatico finanziamento a copertura di quei lavoratori, oltre i 65 mila previsti, che dovessero rientrare nel diritto di percepire la pensione secondo le vecchie regole ante-riforma. In questo modo, si garantirebbe la sicurezza necessaria a decine di migliaia di persone che vivono nell'ansia a causa di una riforma che li lascia senza stipendio e senza pensione per lunghi anni. E' stata importante la manifestazione unitaria del sindacato sul tema delle pensioni i cui contenuti sono da noi totalmente condivisi''.

    Fonte: Asca | vai alla pagina

    Argomenti: pensioni, Inps, ministro del Welfare, governo Monti | aggiungi argomento | rimuovi argomento
    » Segnala errori / abusi
      0   nessun voto | È rilevante questa dichiarazione? Votala! | Nessun commento | Commenta
    Pubblica su: share on twitter

 
Esporta Esporta RSS Chiudi blocco

Commenti (0)


Per scrivere il tuo commento devi essere loggato