Ti trovi in Home  » Politici  » Giovanni FERRARA  » Elezioni? Si, democratiche.

Chiudi blocco

Altre dichiarazioni nel periodo per gli stessi argomenti



Dichiarazione di Giovanni FERRARA

Alla data della dichiarazione: Sottosegretario Interno


 

Elezioni? Si, democratiche.

  • (01 agosto 2012) - fonte: il Manifesto - inserita il 01 agosto 2012 da 31

    Napolitano ha fatto bene a rammentare che spetta al Presidente della Repubblica il potere, non solo formale, di sciogliere le Assemblee parlamentari. Ha così stroncato il disegno e la pulsione a provocare le elezioni anticipate per conservare il «porcellum».

    Disegno e pulsioni di irresponsabilità inaudita date le condizioni in cui versano le istituzioni centrali del Paese, devastate dal berlusconismo e determinate in gran parte proprio da quel sistema elettorale, unico al mondo per manifesta contraddizione anche con la più rozza idea di democrazia rappresentativa. Utilizzarlo ancora comporterebbe la delegittimazione ulteriore del Parlamento e dell'intero apparato dello stato. Sia per i contenuti perversi di tale sistema, sia per la condanna, anche insincera ma irrevocabile, di tutte le forze politiche che si dimostrerebbero però incapaci di sostituirlo.

    Su questo tema si scontrano duramente Pd e Pdl. Sarebbe nobile il tipo di conflitto. Se riguardasse le forme adeguate a disegnare lo strumento elettorale che possa restaurare la democrazia italiana dopo venti anni di lacerazioni e menomazioni. Ma mira ad altro.

    Elude esigenze imperiose. Non affronta le cause dell'offensiva vasta, incalzante dell'antipartitismo, dell'antiparlamentarismo, dell'antipolitica. Prescinde dalla necessità di dotare il Paese degli strumenti idonei ad impegnarsi nella riscrittura dell'ordinamento europeo per conformarlo alla democrazia. Ignora la questione del recesso complessivo economico, sociale, culturale, politico dell'Italia. Come se non dipendesse dalla compressione subita dalla democrazia, dalla destrutturazione dello stato sociale, e quindi delle sue istituzioni, dei suoi strumenti. Non sa riconoscere, o non vuole, che recesso, compressione, declino derivano dalla mutazione imposta al ruolo, alla ragion d'essere delle elezioni politiche. Mutazione che contorce l'identità dello stato contemporaneo come rappresentativo, basato, come tale, sulla rappresentanza organizzata, plurale sì, perciò di ogni classe. Di quella dei lavoratori dipendenti numericamente maggioritaria, divisa per la duplice derivazione culturale ma non sugli obiettivi di medio periodo.

    È questo carattere della rappresentanza che è stato sradicato e alla sua fonte.
    Aggredendo la funzione delle elezioni, con interventi sul sistema elettorale distorcendone gli effetti. Imponendogli quelli di amputare la rappresentanza escludendo dalla sua composizione i portatori di domande e interessi incompatibili con il sistema economico dominante. Esclusione che costituisce il terreno di cultura del populismo e delle sue varie mistificazioni. Snatura la rappresentanza mediante la trasformazione delle elezioni da strumento per costruirla in dispositivo per la scelta del governo e del suo capo, conferendogli poteri assoluti.

    Insomma la governance al posto della rappresentanza. Con risultati disastrosi. Qual è l'omologazione sostanziale delle formazioni politiche che competono e, alla base della società, la convinzione che è per il potere di queste due o tre élite che si vota.

    Dichiarazione del Presidente Napolitano sul voto anticipato:

    «Decisione che appartiene solo al presidente della Repubblica»

    Fonte: il Manifesto | vai alla pagina

    Argomenti: legge elettorale, democrazia, potere, elezioni politiche, Presidente della Repubblica, porcellum, elezioni anticipate | aggiungi argomento | rimuovi argomento
    » Segnala errori / abusi
    Pubblica su: share on twitter

 
Esporta Esporta RSS Chiudi blocco

Commenti (0)


Per scrivere il tuo commento devi essere loggato