Ti trovi in Home  » Politici  » Gianfranco BETTIN  » Vinyls - Marghera. Rischi e disagi per i lavoratori

Chiudi blocco

Altre dichiarazioni nel periodo per gli stessi argomenti



Dichiarazione di Gianfranco BETTIN

Alla data della dichiarazione: Assessore  Comune Venezia (VE) (Partito: Lista Civica - Cen-Sin) 


 

Vinyls - Marghera. Rischi e disagi per i lavoratori

  • (10 ottobre 2013) - fonte: ecovenezia.wordpress.com - inserita il 11 ottobre 2013 da Lorenzo DE BEI

    Su invito dei lavoratori della Vinyls attualmente presenti negli impianti ho effettuato un sopralluogo insieme ai tecnici della Direzione Ambiente, Protezione Civile e Attività Produttive del Comune di Venezia.
    Ho assicurato ai lavoratori la piena disponibilità, concordata con il Sindaco Giorgio Orsoni e con il suo Delegato ai problemi del lavoro Sebastiano Bonzio, a investire risorse dell’amministrazione a sostegno di progetti socialmente utili nei quali possano essere coinvolti.
    Il quadro che abbiamo potuto verificare è tale da causare gravissime preoccupazioni sia per l’ambiente e la salute sia per le condizioni nelle quali si trovano a operare gli addetti, i quali sono di fatto “comandati”, pagati pochissimo, mentre attendono tuttora decine e decine di migliaia di euro ciascuno di salari e stipendi a lungo non pagati in passato, con grave disagio sopportato insieme alle famiglie.

    Emerge una pesantissima situazione di degrado ambientale e di rischio e disagio per i lavoratori “comandati” alla presenza negli impianti. Non risulta inoltre effettuata, come sarebbe previsto per legge, e comunque non è stata consegnata ai lavoratori, la necessaria indagine del “rischio residuo odierno”, cioè quello presente dopo il fermo degli impianti. Di tale situazione i lavoratori dovrebbero essere informati, oltre che formati ad affrontarla e dotati di tutti gli strumenti necessari.
    Nulla di tutto questo abbiamo potuto riscontrare nello stabilimento. I lavoratori della Vinyls sono doppiamente vittime: lasciati a lungo senza salario e costretti a lavorare, ora, pagati pochissimo e in condizioni di grave rischio per la personale incolumità e salute, condizioni inaccettabili in un paese civile, che producono, al tempo stesso, rischi ambientali di più vasta portata. Segnaleremo tutto questo – questa inaccettabile, drammatica situazione - a chi di dovere, in particolare all’Ispettorato del Lavoro, allo Spisal e, per quanto eventualmente di competenza, alla stessa Procura della Repubblica.

    Fonte: ecovenezia.wordpress.com | vai alla pagina

    Argomenti: lavoro, ambiente, comune di Venezia, Porto Marghera | aggiungi argomento | rimuovi argomento
    » Segnala errori / abusi
      0   nessun voto | È rilevante questa dichiarazione? Votala! | Nessun commento | Commenta
    Pubblica su: share on twitter

 
Esporta Esporta RSS Chiudi blocco

Commenti (0)


Per scrivere il tuo commento devi essere loggato