Ti trovi in Home  » Politici  » Giulia Vio  » Raccolta rifiuti, scatta il porta a porta

Dichiarazione di Giulia Vio

Alla data della dichiarazione: Consigliere  Consiglio Comunale Meolo (VE) (Lista di elezione: LISTA CIVICA | MICHELE BASSO SINDACO) 


 

Raccolta rifiuti, scatta il porta a porta

  • (04 aprile 2018) - fonte: La Nuova di Venezia e Mestre - inserita il 07 aprile 2018 da Mirco BRONDOLIN
    MEOLO. «La scelta del porta a porta era inevitabile. Questo sarà un anno transitorio. Bisogna lasciare il tempo a cittadini e attività produttive di assimilare il nuovo sistema». Così l’assessore all’ecologia Emanuele Frasson ha commentato l’approvazione del nuovo regolamento della raccolta dei rifiuti a Meolo, con l’introduzione del porta a porta e della tariffa puntuale, la Tarip. «Il modello con i cassonetti nel nostro contesto di un paese piccolo circondato da altre realtà tutte dotate di porta a porta ci rendeva anacronistici», ha spiegato Frasson, «i cassonetti inoltre sono fonte di incuria e sporcizia. Eliminarli toglierà di fatto decine di piccole discariche disseminate per il paese». Per Frasson il porta a porta migliorerà la differenziata, oltre a far emergere chi non ha pagato. Quanto alla Tarip, per l’assessore ci sarà maggior equità, visto che si pagherà sulla base della quantità del rifiuto secco prodotto. In aula è stato botta e risposta con la Lega. «Ci saremmo aspettati come gruppo consiliare un maggior coinvolgimento e partecipazione», hanno detto le consigliere Giulia Vio e Alice Benetton, lamentando in particolare la mancanza della documentazione completa e il tardivo inserimento all’ordine del giorno, dopo la conferenza dei capigruppo, del punto relativo alla manovra finanziaria per la Tarip. In considerazione delle novità del porta a porta, la Lega ha chiesto flessibilità nell’applicazione delle sanzioni nel primo periodo, nonché auspicato che le campagne informative non siano esaurite. «Il porta a porta non è una scelta che parte da adesso, ma costruita e partecipata», ha replicato la sindaca Loretta Aliprandi. Dubbi sono stati espressi da Sara Celli (M5S) riguardo all’affidamento a Veritas del servizio da parte del Consiglio di bacino senza svolgimento di gara.
    Fonte: La Nuova di Venezia e Mestre | vai alla pagina
    aggiungi argomento
    » Segnala errori / abusi
      0   nessun voto | È rilevante questa dichiarazione? Votala! | Nessun commento | Commenta
    Pubblica su: share on twitter

 
Esporta Esporta RSS Chiudi blocco

Commenti (0)


Per scrivere il tuo commento devi essere loggato