Ti trovi in Home  » Politici  » Angela Raffa  » AdSP dello Stretto: adesso lavoriamo per sanare la spaccatura con i cugini calabresi

Chiudi blocco

Altre dichiarazioni nel periodo per gli stessi argomenti



Dichiarazione di Angela Raffa

Alla data della dichiarazione: Deputato (Gruppo: M5S) 


 

AdSP dello Stretto: adesso lavoriamo per sanare la spaccatura con i cugini calabresi

  • (15 dicembre 2018) - fonte: Tempostretto - inserita il 19 dicembre 2018 da Marco ORIOLESI
    Messina - "Mantenuta la promessa - dichiara la deputata Angela Raffa del Movimento 5 Stelle, commissione trasporti - di istituire l'Autorità di sistema portuale dello Stretto, adesso lavoriamo per sanare la spaccatura che si è creata con i cugini calabresi. In questi giorni contatterò i sindaci di Reggio Calabria e Villa San Giovanni per un incontro, ed invitarli in audizione in commissione trasporti". Smettiamo questa pretestuosa polemica politica, l'economia portuale svolge un ruolo di primaria importanza per tutta la zona, tanto che fin dalla fondazione della città di Messina, il cui antico nome deriva proprio dal suo porto naturale, questo ha rappresentato il centro di tutta l'economia del comprensorio. Ed è proprio da questo che oggi ci si aspetta parta la rinascita e lo sviluppo di tutta l'area dello Stretto, con investimenti sulla continuità territoriale e recuperando centralità nelle rotte commerciali del Mediterraneo. "Del resto - continua Angela Raffa - in commissione, abbiamo, su questo tema, cercato sempre il dialogo con le opposizioni ed i colleghi calabresi. Questa nuova autorità, ed un'area integrata dello stretto, conviene a tutti. Gioia Tauro è in grande difficoltà economica e la sua economia portuale, principalmente container, mal si integra con quella dei nostri porti, le cui casse tra l'altro sono invece floride. Nel decreto fiscale abbiamo anche tenuto conto delle esigenze regionali delle Zone Economiche Speciali, proprio per venire incontro alle richieste rappresentate dai sindaci calabresi". Ora è il momento di procedere spediti e puntare sull'intermodalità tra i porti e le ferrovie. Nel contratto di servizio con RFI, parte investimenti, da poco esitato dalla commissione trasporti, è stato approvato il rifacimento totale della stazione ferroviaria di Messina, compresa la marittima. Si aspetta solo il sindaco di Messina e si può dare il via ai lavori. Si sono anticipati, e finanziati per intero, i lavori per il raddoppio della tratta Giampilieri-Fiumefreddo così da completare il sistema di alta capacità ferroviaria tra Messina e Catania, ed in generale la quota di risorse destinata al Mezzogiorno è aumentata dal 32 al 40%. La nomina del presidente dell'autorità sarà anche l'occasione per un confronto tra i presidenti di Sicilia e Calabria ed il governo nazionale. L’articolo 8 della legge 28 gennaio 1994, n.84 dispone che il Presidente sia scelto, d’intesa con i Presidenti delle regioni interessate, fra cittadini dei Paesi membri dell'Unione europea aventi comprovata esperienza e qualificazione professionale nei settori dell'economia dei trasporti e portuale. "La presidenza - conclude Angela Raffa - non può essere una poltrona da assegnare, nel solito gioco di logiche clientelari a cui certa politica ci ha abituati. Vigilerò con attenzione affinché sia scelta la persona giusta, in grado di rilanciare economia e lavoro, di cui inevitabilmente l'ente sarà volano. Una persona competente e preparata di alto profilo, ed un conoscitore delle nostre realtà trasportistiche e portuali. Questo mi aspetto e non accetterò di meno. Basta vedere quanto sta lavorando bene e quanta ricchezza sta producendo il presidente dell'autorità di Palermo, mare della Sicilia occidentale, per capire quale sia il profilo a cui dover guardare." Infondata appare invece la paventata possibilità di illegittimità della istituzione di questa Autorità, su impugnativa del presidente della Regione Calabria per la mancata convocazione della conferenza unificata, stato-regioni. Questa sarebbe stata obbligatoria per gli atti governativi (decreti legge e decreti legislativi), non per gli atti normativi parlamentari, come quello in questione.
    Fonte: Tempostretto | vai alla pagina
    Argomenti: trasporti, sicilia, autorità portuale, messina | aggiungi argomento | rimuovi argomento
    » Segnala errori / abusi
      0   nessun voto | È rilevante questa dichiarazione? Votala! | Nessun commento | Commenta
    Pubblica su: share on twitter

 
Esporta Esporta RSS Chiudi blocco

Commenti (0)


Per scrivere il tuo commento devi essere loggato